home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
 fenomeni estremi
I tornado orizzontali
L'isola che non c'
Nuove rivelazioni su Tunguska
Eruzioni Vulcaniche Spettacolari
Red Sprite
Aurore Boreali
Le Luci di Marfa
Le Pietre Mobili
Le colline dell'antigravità
Onde anomale
Dove sono finiti i "relampagos"?
Una tempesta sottomarina
I segreti del Lago Vostok
Filmato in Australia un vortice di fuoco
Lo "Tsunami di sabbia" in Australia
Undulatus asperatus
L'asteroide di Celyabinsk
La terza fascia di Van Allen
Misteri di ghiaccio e Cerchi delle Fate
La scoperta degli Archi Rossi
Tsunami di ghiaccio
Radio Bursts: scariche di segnali radio
Un misterioso cratere in Siberia
Un arcobaleno quadruplo
Nubi lenticolari
Nuvole... cadenti
Fenomeni atmosferici insoliti
La Bocca dell'Inferno
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Canidi rari
Eruzioni Vulcaniche spettacolari
 

Le eruzioni vulcaniche rappresentano eventi abbastanza normali e comuni nel quadro della vita geologica del nostro pianeta ed il loro svolgimento è seguito con attenzione dai vulcanologi, continuamente studiato e, quindi, ben conosciuto. Tuttavia vi possono essere fenomeni "accessori" che rendono le eruzioni particolarmente spettacolari.
Ad esempio, durante la recente eruzione del Mount Redoubt, in Alaska, J. Warren, dell'Alaska Volcano Observatory, ha scattato delle eccezionali immagini nelle quali il "gambo" della tipica nuvola a forma di fungo, praticamente uguale a quella prodotta da un'esplosione atomica, è attraversato da un disco di fumo orizzontale.
Mentre gli sbuffi di vapore e di cenere, i fiumi di lava e i flussi piroclastici costituiscono la norma, meno frequentemente vi possono essere queste nubi prodotte da un movimento vorticoso dei fumi, l'addensarsi di lampi e fenomeni elettrici o vortici affini a quelli che gli americani chiamano "dust devils" o "waterspruits".

Eruzione Vulcanica
L'eruzione del Monte Chaiten, avvenuta nel 2008 nel Cile meridionale, ha provocato una spettacolare serie di fulmini causati dall'accumulo di elettricità statica creato dalla collisione tra le particelle di cenere.

Fenomeni come la disposizione lenticolare delle nubi di cenere sono dovuti al movimento rotatorio causato dalle differenti temperature e velocità dei flussi di vapore e cenere che il vulcano erutta.
La collisione tra le particelle di cenere produce delle cariche elettrostatiche che, a loro volta, possono generare dei fulmini, come quelli che si sono registrati durante l'eruzione del 2008 del Monte Chaiten, nel Cile meridionale.

Non si può dire, tuttavia, che ogni aspetto di questi fenomeni sia del tutto compreso. In proposito, nel marzo del 2009 è apparso, sulla prestigiosa rivista "Nature", uno studio compiuto da Pinaki Chakraborty, Gustavo Gioia e Susan W. Kieffer su quello che gli autori hanno definito "mesociclone vulcanico", cioè un vortice a forma di colonna che ruota in senso ciclonico, causando la rotazione sul proprio asse dei fumi di un vulcano.

Eruzione Vulcanica
Il caratteristico "fungo" prodottosi durante l'eruzione del Mount Redoubt, in Alaska, con il "gambo" intersecato da una nube lenticolare, creatasi per un movimento ciclonico. Foto di J. Warren, dell'Alaska Volcano Observatory.

In pratica, sopra il vulcano si può generare un fenomeno analogo ad un tornado. Quando il flusso dell'eruzione è particolarmente vigoroso si produce una colonna verticale di gas caldi sopra i quali vi è un "ombrello" orizzontale (la testa del fungo).



Il mesociclone induce in questo flusso di gas e cenere un forte movimento rotatorio dal quale si sprigionano vortici e sciami di scariche elettriche.

L'esistenza di un mesociclone può essere verificata disponendo di immagini satellitari, come è avvenuto nel giugno 1991, in occasione dell'eruzione del Monte Piñatubo, nelle Filippine, quando si verificò che la colonna di gas e cenere ruotava secondo il proprio asse.

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento