home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
 fenomeni estremi
I tornado orizzontali
L'isola che non c'
Nuove rivelazioni su Tunguska
Eruzioni Vulcaniche Spettacolari
Red Sprite
Aurore Boreali
Le Luci di Marfa
Le Pietre Mobili
Le colline dell'antigravità
Onde anomale
Dove sono finiti i "relampagos"?
Una tempesta sottomarina
I segreti del Lago Vostok
Filmato in Australia un vortice di fuoco
Lo "Tsunami di sabbia" in Australia
Undulatus asperatus
L'asteroide di Celyabinsk
La terza fascia di Van Allen
Misteri di ghiaccio e Cerchi delle Fate
La scoperta degli Archi Rossi
Tsunami di ghiaccio
Radio Bursts: scariche di segnali radio
Un misterioso cratere in Siberia
Un arcobaleno quadruplo
Nubi lenticolari
Nuvole... cadenti
Fenomeni atmosferici insoliti
La Bocca dell'Inferno
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Fenomeni Marini spaventosi
Onde Gigantesche, Tzunami

Onde anomale

Il 15 febbraio 2013 un meteorite (che l'European Space Agency nei suoi comunicati ha sempre definito "asteroide") è entrato nell'atmosfera nel cielo della città russa di Celyabinsk. Va detto che, convenzionalmente, sono chiamati asteroidi oggetti spaziali con dimensioni minime fino a 10 m, al di sotto delle quali si parla di "meteoroidi" (che, se cadono sulla Terra, sono definiti "meteoriti").
A creare una certa confusione è stato il fatto che, nella stessa data del 15 febbraio era stato previsto il momento di distanza minima dalla Terra dell'asteroide 2012DA. L'ipotesi che, a 16 ore di distanza, due asteroidi distinti (il 2012DA e quello di Celyabinsk, al quale non era stato dato un nome) siano giunti ad entrare nell'atmosfera (il primo) e a passare a 27.700 km (il secondo) è un fatto così insolito che ha fatto sorgere non pochi interrogativi e c'è chi è convinto che in realtà si sia trattato di un unico oggetto erroneamente "tracciato" dai sistemi di avvistamento o, per qualsiasi ragione, spezzatosi in due. Questa possibilità, però, è stato smentita poiché i due oggetti percorrevano orbite completamente differenti.
Per la cronaca, 2012DA ha una dimensione (del suo asse maggiore) di circa 30 m e la sua massa è stata stimata in 40.000 t. L'asteroide di Celyabinsk, invece, aveva una dimensione massima di 17 m ed un peso stimato in 10.000 t; la sua esplosione ha generato un'onda d'urto di potenza indicata in 500 KT (ma stime più prudenziali parlano di 130-300 KT ed esiste anche una misurazione, effettuata a 30 km da Celyabinsk, che ha indicato un valore tra 0,1 e 1 KT). Nonostante ciò, quest'esplosione è stata sufficiente a causare 1.491 feriti e danni a 4.514 unità immobiliari.

Onde anomale

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento