home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
 fenomeni estremi
I tornado orizzontali
L'isola che non c'
Nuove rivelazioni su Tunguska
Eruzioni Vulcaniche Spettacolari
Red Sprite
Aurore Boreali
Le Luci di Marfa
Le Pietre Mobili
Le colline dell'antigravità
Onde anomale
Dove sono finiti i "relampagos"?
Una tempesta sottomarina
I segreti del Lago Vostok
Filmato in Australia un vortice di fuoco
Lo "Tsunami di sabbia" in Australia
Undulatus asperatus
L'asteroide di Celyabinsk
La terza fascia di Van Allen
Misteri di ghiaccio e Cerchi delle Fate
La scoperta degli Archi Rossi
Tsunami di ghiaccio
Radio Bursts: scariche di segnali radio
Un misterioso cratere in Siberia
Un arcobaleno quadruplo
Nubi lenticolari
Nuvole... cadenti
Fenomeni atmosferici insoliti
La Bocca dell'Inferno
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Fenomeni Marini spaventosi
Onde Gigantesche, Tzunami

Onde anomale

Anche quando si pensa che sul nostro pianeta non ci sia più nulla da scoprire possono arrivare delle sorprese: è il caso delle nuvole dette Undulatus asperatus, onda agitata o nube ondulata increspata. Si tratta di una denominazione attribuita da "sky watchers" amatoriali ed accolta provvisoriamente anche dalla comunità scientifica. Gli scopritori di questo fenomeno che fino al 2006 non sembrava essere stato studiato, fanno capo alla Cloud Appreciation Society britannica che ha sottoposto le fotografie delle formazioni nuvolose osservate alla World Meteorological Organisation per chiederne l'inserimento sull'atlante internazionale delle nubi.
Questi cumuli ondulati, dalla formazione complessa, sono simili alle formazioni mammellonari (Mammatus) e sono modellate dai forti venti delle alte quote.
I meteorologi dilettanti hanno ripreso questo fenomeno inizialmente su Cedar Rapids, nella Iowa, nel 2006 ma in seguito formazioni nuvolose ascrivibili a questa tipologia sono state fotografate in Francia, in Norvegia, in Gran Bretagna e sembra che se ne siano viste anche in Italia.
La più recente edizione dell'"International Cloud Atlas" risale al 1975, ma l'ultima classificazione attribuita ad uno specifico tipo di nube risale al 1951. Inevitabile, quindi, porsi la domanda: ma i cumuli ondulati non esistevano in passato o, più semplicemente, non erano stati avvistati e compresi? La risposta verrà dalla scienza ufficiale che si sta occupando di questa nuova scoperta.

Onde anomale

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento