home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
 fenomeni estremi
I tornado orizzontali
L'isola che non c'
Nuove rivelazioni su Tunguska
Eruzioni Vulcaniche Spettacolari
Red Sprite
Aurore Boreali
Le Luci di Marfa
Le Pietre Mobili
Le colline dell'antigravità
Onde anomale
Dove sono finiti i "relampagos"?
Una tempesta sottomarina
I segreti del Lago Vostok
Filmato in Australia un vortice di fuoco
Lo "Tsunami di sabbia" in Australia
Undulatus asperatus
L'asteroide di Celyabinsk
La terza fascia di Van Allen
Misteri di ghiaccio e Cerchi delle Fate
La scoperta degli Archi Rossi
Tsunami di ghiaccio
Radio Bursts: scariche di segnali radio
Un misterioso cratere in Siberia
Un arcobaleno quadruplo
Nubi lenticolari
Nuvole... cadenti
Fenomeni atmosferici insoliti
La Bocca dell'Inferno
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Fenomeni Marini spaventosi
Onde Gigantesche, Tzunami

Onde anomale

Un giornalista (o forse più d'uno), quando ha visto le immagini riprese da uno "skipper" al largo delle coste della Western Australia, ha esclamato: "Uno tsunami di sabbia!". Altri, puntando al sensazionalismo della notizia, o semplicemente perché non avevano compreso la reale natura del fenomeno che stavano tentando di descrivere, hanno parlato di uno tsunami (onda anomala), in qualche modo collegato ad una tempesta di sabbia, aggiungendo il dettaglio di fantasia di un'onda alta due metri  che avrebbe investito le coste australiane occidentali.
Il realtà, il fenomeno – già di per sé impressionante senza la necessità di arricchimenti – era un'insolita, anche se non rarissima, tempesta di sabbia verificatasi nei primi giorni del 2013 in prossimità della città di Onslow, nella parte nord della Western Australia. Qui, venti fortissimi originati dalle condizioni meteorologiche nell'Oceano Indiano, avevano sollevato la sabbia del Gran Deserto Sabbioso e del Deserto Gibson, a sud della regione del Kimberley, e l'avevano trasportata fino ad una quarantina di chilometri dalla costa, sul mare.
Alcuni reporter di pochi scrupoli si sono serviti di queste immagini (o di altre analoghe, riprese quando un simile fenomeno si era presentato nel 2002) ed hanno tentato di spacciarle per immagini dello tsunami conseguente al terremoto giapponese dell'11 marzo 2011 o di quello  dell'Oceano Indiano del 26 dicembre 2004.

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento