home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
 fenomeni estremi
I tornado orizzontali
L'isola che non c'
Nuove rivelazioni su Tunguska
Eruzioni Vulcaniche Spettacolari
Red Sprite
Aurore Boreali
Le Luci di Marfa
Le Pietre Mobili
Le colline dell'antigravità
Onde anomale
Dove sono finiti i "relampagos"?
Una tempesta sottomarina
I segreti del Lago Vostok
Filmato in Australia un vortice di fuoco
Lo "Tsunami di sabbia" in Australia
Undulatus asperatus
L'asteroide di Celyabinsk
La terza fascia di Van Allen
Misteri di ghiaccio e Cerchi delle Fate
La scoperta degli Archi Rossi
Tsunami di ghiaccio
Radio Bursts: scariche di segnali radio
Un misterioso cratere in Siberia
Un arcobaleno quadruplo
Nubi lenticolari
Nuvole... cadenti
Fenomeni atmosferici insoliti
La Bocca dell'Inferno
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
 
Clonazione Mammuth della Taiga
   
 

Mammut Lanoso
















Quella che si può letteralmente definire come un'esplosione di notizie scientifiche sui nuovi "media" rende difficile dire quali fenomeni si debbano considerare inconsueti e quali semplicemente non siano conosciuti al di fuori di determinate aree. In ogni caso, a parte queste considerazioni, lo tsunami di ghiaccio che si è presentato nella provincia del Manitoba (Canada) e nello stato del Minnesota (USA), nel maggio 2013, con due distinti eventi, deve considerarsi decisamente insolito.
Il primo episodio aveva interessato una riva del lago Mille Lacs (nel Minnesota) dove il forte vento freddo che soffiava sul lago ghiacciato ha spinto grandi masse di ghiaccio verso le rive, alte fino a tre metri, che hanno danneggiato diverse abitazioni.
Un fenomeno analogo, pochi giorni dopo, ha colpito con effetti più devastanti Dauphin, lungo le rive del lago omonimo nel Manitoba, dove il vento che ha soffiato a 100 km/h sulla superficie del lago per circa 15 minuti è stato sufficiente a mettere in moto imponenti masse di ghiaccio che, secondo quando ha dichiarato l'Emergency Measures Organization, procedendo ad una velocità di diversi centimetri al secondo, hanno investito dodici cottage, distruggendoli completamente.
Sulla frequenza di fenomeni di questo genere si sono registrati pareri discordanti ma è certo che, trattandosi di evenienze estremamente rare, vi è carenza di dati statistici.

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento