home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
Scoperto un varano
Gorilla: l'evoluzione continua?
I canidi mutanti del Nord America
Lo Zibetto delle palme
di Owston
Le rane del Madagascar
Felini peruviani
I Giaguari si spostano verso nord
L'Anatra dalla testa rosa
La Tayra Ŕ la mitica Mitla Boliviana?
Ricompare il Tuatara
Un po' Arvicola, un po' Criceto, un po' CincillÓ
Un Elefante rosa
Una nuova specie di Occhialino
Il Babirussa
Lo Yaguarondi
Il Solenodonte
Le formiche di fuoco
L'Okapi
La rana del Gondwana
Il Crisocione
Gli orsi mutanti
Il Paepae di Gauguin
Il Tilacino vive ancora?
Il Gatto del Borneo
Il ritorno dell'Onza
Il leopardo del Borneo
18.516 specie in un anno!
Il "recupero" del Bisonte americano
Il Cannareccione afghano
Il ragno vegetariano
La testuggine della foresta di Arakan
Un ragno gigante
The Grand Old Lady of the Loch
Pinguino melanico
Criptofauna malgascia
Che cos'è il Chaus?
Riappare il Lori gracile
Una seconda specie di varano
2 specie di rinoceronte bianco
Topi giganti... e nani
Yamapikarya
Il Toporagno elefante
Il Proteo nero
Il ritorno del Cervo filippino
L'Adjule della Mauritania
La mitica tigre maltese
Notzuchitokage, Tsuchinoko e scinchi
La salamandra gigante cinese
Il Ghepardo bianco
Lo Speoto e la Tigre Warracaba
La Tartaruga della Foresta di Arakan
Stupefacente Hoatzin
Il Bonobo Ŕ una specie in pericolo
Una Tartaruga alligatore trovata nel milanese
Scoperto il Lupo dell'Atlante
Il Cercopiteco Lesula
╚ un Orso di MacFarlane?
Il Ratto margareta di Christina
Scoperta una nuova sottospecie di leone
L'Echidna dal becco lungo occidentale riappare in Australia
Il Gatto delle Ande non vive solo... sulle Ande
Quando si Ŕ estinto il Lupo di Honshu?
Esiste ancora il Waheela?
Il ritorno del Geco di terra di Jeypur
La riscoperta del Chirogaleo nano di Sibree
Il Triops di Celyabinsk
Il Lupo delle Ande
╚ arrivata la Vespa velutina
Canidi selvatici africani e asiatici
La scoperta dell'Olinguito
Il rinoceronte nero occidentale Ŕ estinto
Lo Scoiattolo volante gigante del Laos
Nuova specie di lucertola nel Congo-Kinshasa
La Tigrina del Brasile di nord-est
La scoperta del Tapiro pigmeo
Scoperto un canide in Etiopia
Un nuovo toporagno elefante
Il Mosco del Kashmir
La testuggine di Darwin aveva 175 anni
Rane e rospi colombiani
Tre piccoli draghi
Il ritorno del Pika di Ili
Rinoceronti estinti o in pericolo
Miti e realtÓ delle pantere nere (e bianche)
Lo jiukam-yawa del Peru
Il Mokele-'mbembe Ŕ un mammifero?
L'anno delle rane
Il Grizzly della California Ŕ riapparso?
Homo naledi
Cebo verde e dorato
Il Lupo Himalayano
La Rana pollo di montagna
╚ riapparso l'Orso dell'Atlante? Forse no, ma...
La Volpe volante bruna
Il Topo d'acqua etiopico
Il Garrulo di Jerdon, "uccello-Lazzaro"
Il tilacino Ŕ tornato?
L'Echidna dal lungo becco di Sir David
Giaguari dell'Arizona
La Talpa dorata somala
L'Uromastice
Pseudonovibos spiralis: animale controverso
Il Piccione di Liverpool
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
  fenomeni estremi
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Canidi rari
Babirussa (Babyrousa babyrussa alfurus)
 

Non misterioso e, anzi, ben conosciuto, il Babirussa è certamente uno dei meno eleganti tra i mammiferi. Il Babyrousa babyrussa alfurus è un animale piuttosto raro e minacciato di estinzione, del quale si ritiene esista una popolazione di circa 4.000 individui, accentrati soprattutto nell'isola di Sulawesi (Celebes), Indonesia, ed in quelle che la circondano, come Togian, Sula e Buru
Classificato da Linnaeus già nel 1758, ha sempre lasciato perplessi i naturalisti in quanto, pur avendo l'aspetto generale di un maiale selvatico, ha punti in comune con i pecari e gli ippopotami ed ha uno stomaco, simile a quelle delle pecore, che lo rende un "quasi-ruminante".

Babirussa Maiale CervoLa sua caratteristica più curiosa, che gli è valsa il nome che presso gli indigeni significa "maiale-cervo", è rappresentata dalle due notevoli coppie di zanne degli esemplari maschi; mentre una coppia è costituita semplicemente da canini inferiori estesi, la seconda è costituita da canini superiori, le cui radici, nel corso dell'evoluzione, hanno subito una mutazione ed hanno ruotato con il risultato che le zanne compiono un percorso semicircolare ed emergono ai lati del labbro superiore, fornendo una sorta di protezione per gli occhi, visto che il babirussa ama vivere tra le canne degli ambienti umidi. Una credenza popolare dei nativi afferma che lo scopo di questi canini enormi sia "agganciare" la grossa testa del babirussa ad un ramo per sorreggerla quando dorme. Il naturalista John McKinnon nel 1981 ha ipotizzato che le zanne superiori si siano sviluppate soltanto come mezzo di difesa dagli attacchi degli altri maschi, non essendovi a Celebes altri predatori. Al contrario, le femmine, non avendo esigenze difensive, hanno canini meno sviluppati.
Questo suide glabro sembra rifarsi, dal punto di vista genetico, ad un primitivo maiale europeo, estintosi 35 milioni di anni fa, i cui eredi si sono diffusi in tutti i continenti.

Oggi vive in branchi, la cui dimensione varia tra cinque e quindici individui, vicino a corsi e specchi d'acqua ed è un buon trottatore e nuotatore; la sua pelle, il cui colore può variare dal grigio al nocciola, con tonalità simili a quelle degli ippopotami anfibi, lo confonde facilmente con la vegetazione. La sua gestazione dura 150-157 giorni e normalmente nascono da uno a tre piccoli. Il babirussa ha abitudini prevalentemente diurne e si nutre di frutti, funghi, foglie, larve di insetti, bacche. La sua lunghezza totale (coda di 20-32 cm inclusa) è di circa 0,85-1,10 m, il peso (negli esemplari adulti) varia tra 45 e100 kg e la durata della sua vita è di circa 24 anni.

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento