home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
Scoperto un varano
Gorilla: l'evoluzione continua?
I canidi mutanti del Nord America
Lo Zibetto delle palme
di Owston
Le rane del Madagascar
Felini peruviani
I Giaguari si spostano verso nord
L'Anatra dalla testa rosa
La Tayra la mitica Mitla Boliviana?
Ricompare il Tuatara
Un po' Arvicola, un po' Criceto, un po' Cincill
Un Elefante rosa
Una nuova specie di Occhialino
Il Babirussa
Lo Yaguarondi
Il Solenodonte
Le formiche di fuoco
L'Okapi
La rana del Gondwana
Il Crisocione
Gli orsi mutanti
Il Paepae di Gauguin
Il Tilacino vive ancora?
Il Gatto del Borneo
Il ritorno dell'Onza
Il leopardo del Borneo
18.516 specie in un anno!
Il "recupero" del Bisonte americano
Il Cannareccione afghano
Il ragno vegetariano
La testuggine della foresta di Arakan
Un ragno gigante
The Grand Old Lady of the Loch
Pinguino melanico
Criptofauna malgascia
Che cos'è il Chaus?
Riappare il Lori gracile
Una seconda specie di varano
2 specie di rinoceronte bianco
Topi giganti... e nani
Yamapikarya
Il Toporagno elefante
Il Proteo nero
Il ritorno del Cervo filippino
L'Adjule della Mauritania
La mitica tigre maltese
Notzuchitokage, Tsuchinoko e scinchi
La salamandra gigante cinese
Il Ghepardo bianco
Lo Speoto e la Tigre Warracaba
La Tartaruga della Foresta di Arakan
Stupefacente Hoatzin
Il Bonobo una specie in pericolo
Una Tartaruga alligatore trovata nel milanese
Scoperto il Lupo dell'Atlante
Il Cercopiteco Lesula
un Orso di MacFarlane?
Il Ratto margareta di Christina
Scoperta una nuova sottospecie di leone
L'Echidna dal becco lungo occidentale riappare in Australia
Il Gatto delle Ande non vive solo... sulle Ande
Quando si estinto il Lupo di Honshu?
Esiste ancora il Waheela?
Il ritorno del Geco di terra di Jeypur
La riscoperta del Chirogaleo nano di Sibree
Il Triops di Celyabinsk
Il Lupo delle Ande
arrivata la Vespa velutina
Canidi selvatici africani e asiatici
La scoperta dell'Olinguito
Il rinoceronte nero occidentale estinto
Lo Scoiattolo volante gigante del Laos
Nuova specie di lucertola nel Congo-Kinshasa
La Tigrina del Brasile di nord-est
La scoperta del Tapiro pigmeo
Scoperto un canide in Etiopia
Un nuovo toporagno elefante
Il Mosco del Kashmir
La testuggine di Darwin aveva 175 anni
Rane e rospi colombiani
Tre piccoli draghi
Il ritorno del Pika di Ili
Rinoceronti estinti o in pericolo
Miti e realt delle pantere nere (e bianche)
Lo jiukam-yawa del Peru
Il Mokele-'mbembe un mammifero?
L'anno delle rane
Il Grizzly della California riapparso?
Homo naledi
Cebo verde e dorato
Il Lupo Himalayano
La Rana pollo di montagna
riapparso l'Orso dell'Atlante? Forse no, ma...
La Volpe volante bruna
Il Topo d'acqua etiopico
Il Garrulo di Jerdon, "uccello-Lazzaro"
Il tilacino tornato?
L'Echidna dal lungo becco di Sir David
Giaguari dell'Arizona
La Talpa dorata somala
L'Uromastice
Pseudonovibos spiralis: animale controverso
Il Piccione di Liverpool
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
  fenomeni estremi
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Fenomeni Marini spaventosi
Onde Gigantesche, Tzunami

Onde anomale

 






L'Orso dell'Atlante (Ursus arctos crowtheri) rientra tra i soggetti preferiti dalla criptozoologia in quanto questa sottospecie di orso bruno si ritiene estinta in tempi relativamente recenti, con l'ultimo esemplare ucciso nel 1870 sui monti Tetouan; tuttavia, come sempre avviene per animali estinti in un'epoca vicina alla nostra, resta sempre la possibilità (o la speranza) che qualche individuo possa esistere ancora.
L'orso dell'Atlante era una sottospecie di orso bruno – anche se qualche zoologo preferisce considerarlo una specie a se stante – la cui presenza, in Africa Settentrionale nell'area della catena dell'Atlante, è solitamente spiegata in due modi. La tesi più seguita vuole che si trattasse di una sottospecie affine, dal punto di vista genetico, all'Orso polare (Urusus maritimus), stabilitasi in Spagna, dove, durante il Paleolitico, viveva nelle caverne dell'Andalusia. Questi orsi ispanici sarebbero stati catturati dai romani e trasferiti in Africa o vi sarebbero arrivati in modo autonomo (lo stretto di Gibilterra è di soli 14 km). La seconda ipotesi, invece, è che vi fosse stata una migrazione da est di Orsi bruni siriani (Ursus arctos syriacus) che avrebbe incontrato l'orso bruno eurasiatico nelle aree degli odierni Marocco ed Algeria, ibridandosi.
Questo plantigrado, che viveva tra il Marocco e la Libia, aveva pelliccia di colore marrone scuro, più rossiccio nelle parti ventrali; era lungo attorno a 2,75 m e pesava 450 kg.
Nel marzo 2016, nella foresta di Tissemsilt, in Algeria, è stato filmato un animale che, certamente, richiama l'aspetto di un orso bruno, anche se la bassa definizione del filmato non consente alcuna certezza. Altri ricercatori nello stesso periodo hanno fotografato una iena striata (Hyaena hyaena), frequente in tutta l'Africa, resa poco riconoscibili da una malattia dermatologica ed affermano che possa trattarsi del "presunto orso"....

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento