home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
Scoperto un varano
Gorilla: l'evoluzione continua?
I canidi mutanti del Nord America
Lo Zibetto delle palme
di Owston
Le rane del Madagascar
Felini peruviani
I Giaguari si spostano verso nord
L'Anatra dalla testa rosa
La Tayra Ŕ la mitica Mitla Boliviana?
Ricompare il Tuatara
Un po' Arvicola, un po' Criceto, un po' CincillÓ
Un Elefante rosa
Una nuova specie di Occhialino
Il Babirussa
Lo Yaguarondi
Il Solenodonte
Le formiche di fuoco
L'Okapi
La rana del Gondwana
Il Crisocione
Gli orsi mutanti
Il Paepae di Gauguin
Il Tilacino vive ancora?
Il Gatto del Borneo
Il ritorno dell'Onza
Il leopardo del Borneo
18.516 specie in un anno!
Il "recupero" del Bisonte americano
Il Cannareccione afghano
Il ragno vegetariano
La testuggine della foresta di Arakan
Un ragno gigante
The Grand Old Lady of the Loch
Pinguino melanico
Criptofauna malgascia
Che cos'è il Chaus?
Riappare il Lori gracile
Una seconda specie di varano
2 specie di rinoceronte bianco
Topi giganti... e nani
Yamapikarya
Il Toporagno elefante
Il Proteo nero
Il ritorno del Cervo filippino
L'Adjule della Mauritania
La mitica tigre maltese
Notzuchitokage, Tsuchinoko e scinchi
La salamandra gigante cinese
Il Ghepardo bianco
Lo Speoto e la Tigre Warracaba
La Tartaruga della Foresta di Arakan
Stupefacente Hoatzin
Il Bonobo Ŕ una specie in pericolo
Una Tartaruga alligatore trovata nel milanese
Scoperto il Lupo dell'Atlante
Il Cercopiteco Lesula
╚ un Orso di MacFarlane?
Il Ratto margareta di Christina
Scoperta una nuova sottospecie di leone
L'Echidna dal becco lungo occidentale riappare in Australia
Il Gatto delle Ande non vive solo... sulle Ande
Quando si Ŕ estinto il Lupo di Honshu?
Esiste ancora il Waheela?
Il ritorno del Geco di terra di Jeypur
La riscoperta del Chirogaleo nano di Sibree
Il Triops di Celyabinsk
Il Lupo delle Ande
╚ arrivata la Vespa velutina
Canidi selvatici africani e asiatici
La scoperta dell'Olinguito
Il rinoceronte nero occidentale Ŕ estinto
Lo Scoiattolo volante gigante del Laos
Nuova specie di lucertola nel Congo-Kinshasa
La Tigrina del Brasile di nord-est
La scoperta del Tapiro pigmeo
Scoperto un canide in Etiopia
Un nuovo toporagno elefante
Il Mosco del Kashmir
La testuggine di Darwin aveva 175 anni
Rane e rospi colombiani
Tre piccoli draghi
Il ritorno del Pika di Ili
Rinoceronti estinti o in pericolo
Miti e realtÓ delle pantere nere (e bianche)
Lo jiukam-yawa del Peru
Il Mokele-'mbembe Ŕ un mammifero?
L'anno delle rane
Il Grizzly della California Ŕ riapparso?
Homo naledi
Cebo verde e dorato
Il Lupo Himalayano
La Rana pollo di montagna
╚ riapparso l'Orso dell'Atlante? Forse no, ma...
La Volpe volante bruna
Il Topo d'acqua etiopico
Il Garrulo di Jerdon, "uccello-Lazzaro"
Il tilacino Ŕ tornato?
L'Echidna dal lungo becco di Sir David
Giaguari dell'Arizona
La Talpa dorata somala
L'Uromastice
Pseudonovibos spiralis: animale controverso
Il Piccione di Liverpool
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
  fenomeni estremi
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
 
Clonazione Mammuth della Taiga
   

Mammut Lanoso












Come ha annunciato il National Museum of Natural History della Smithsonian Institution il 15 agosto 2013, è stata scoperta nelle Americhe, dopo 35 anni, una nuova specie di carnivoro. Si tratta dell'Olinguito, che si potrebbe italianizzare in "olinghito") o Bassaricyon neblina. Questo procionide appartiene allo stesso genere del Bassaricione o Olingo e c'è già chi ha storto il naso per l'aggettivo carnivoro, poiché questo Olingo minore è in effetti frugivoro, ma non si può negare che appartenga all'ordine dei carnivori, indipendentementa dalla sua dieta.
Come hanno fatto notare i curatori della ricerca, la scoperta di specie non identificate di carnivori è estremamente rara: l'ultimo caso era stato nel 2010 con la Vontsira di Durrell (Salanoia durrelli), una sorta di mangusta del Madagascar, mentre nelle Americhe si deve tornare al 1978, con la Donnola colombiana o Donnola di don Felipe (Mustela felipei).
La scoperta dell'olinguito può essere definita come il risultato di una campagna di "zoologia investigativa", con un accurato esame, durato un decennio, da parte di Kristofer M. Helgen, curatore del dipartimento mammiferi della divisione vertebrati del museo della Smithsonian, del 95% degli esemplari di bassaricione presenti nelle collezioni di 18 musei. Si è scoperto, così, che diverse decine di essi presentava caratteristiche differenti, anche dal molto simile Cercoletto o Kinkajou (Potus flavus).
A questo punto la ricerca si è spostata sul campo, nelle foreste ad alta quota di Colombia ed Ecuador, dove ne sono state localizzate colonie numerose (la popolazione è stimata in migliaia di individui) che Helgen e i suoi collaboratori hanno classificato come appartenenti a quattro distinte sottospecie: Bassaricyon neblina hershkovitzi, localizzata sulle pendici orientali delle Ande centrali della Colombia, B. n. neblina con habitat sulle pendici occidentali delle Ande occidentali dell'Ecuador, B. n. osborni sulla parte centro-occidentale delle Ande colombiane e, infine, B. n. nuber che vive nel distretto Colombiano di Urrao.
Questo procionide, dal pelo fulvo e dalla lunga coda (il corpo è lungo circa 35 cm mentre la coda raggiunge i 40 cm), pesa circa 1 kg e vive ad altitudini  comprese tra 1.250 e 3.000 m; è praticamente onnivoro, anche se predilige frutti e bacche e conduce vita prevalentemente notturna ed arboricola.

Mammut Lanoso

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento