home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
Scoperto un varano
Gorilla: l'evoluzione continua?
I canidi mutanti del Nord America
Lo Zibetto delle palme
di Owston
Le rane del Madagascar
Felini peruviani
I Giaguari si spostano verso nord
L'Anatra dalla testa rosa
La Tayra Ŕ la mitica Mitla Boliviana?
Ricompare il Tuatara
Un po' Arvicola, un po' Criceto, un po' CincillÓ
Un Elefante rosa
Una nuova specie di Occhialino
Il Babirussa
Lo Yaguarondi
Il Solenodonte
Le formiche di fuoco
L'Okapi
La rana del Gondwana
Il Crisocione
Gli orsi mutanti
Il Paepae di Gauguin
Il Tilacino vive ancora?
Il Gatto del Borneo
Il ritorno dell'Onza
Il leopardo del Borneo
18.516 specie in un anno!
Il "recupero" del Bisonte americano
Il Cannareccione afghano
Il ragno vegetariano
La testuggine della foresta di Arakan
Un ragno gigante
The Grand Old Lady of the Loch
Pinguino melanico
Criptofauna malgascia
Che cos'è il Chaus?
Riappare il Lori gracile
Una seconda specie di varano
2 specie di rinoceronte bianco
Topi giganti... e nani
Yamapikarya
Il Toporagno elefante
Il Proteo nero
Il ritorno del Cervo filippino
L'Adjule della Mauritania
La mitica tigre maltese
Notzuchitokage, Tsuchinoko e scinchi
La salamandra gigante cinese
Il Ghepardo bianco
Lo Speoto e la Tigre Warracaba
La Tartaruga della Foresta di Arakan
Stupefacente Hoatzin
Il Bonobo Ŕ una specie in pericolo
Una Tartaruga alligatore trovata nel milanese
Scoperto il Lupo dell'Atlante
Il Cercopiteco Lesula
╚ un Orso di MacFarlane?
Il Ratto margareta di Christina
Scoperta una nuova sottospecie di leone
L'Echidna dal becco lungo occidentale riappare in Australia
Il Gatto delle Ande non vive solo... sulle Ande
Quando si Ŕ estinto il Lupo di Honshu?
Esiste ancora il Waheela?
Il ritorno del Geco di terra di Jeypur
La riscoperta del Chirogaleo nano di Sibree
Il Triops di Celyabinsk
Il Lupo delle Ande
╚ arrivata la Vespa velutina
Canidi selvatici africani e asiatici
La scoperta dell'Olinguito
Il rinoceronte nero occidentale Ŕ estinto
Lo Scoiattolo volante gigante del Laos
Nuova specie di lucertola nel Congo-Kinshasa
La Tigrina del Brasile di nord-est
La scoperta del Tapiro pigmeo
Scoperto un canide in Etiopia
Un nuovo toporagno elefante
Il Mosco del Kashmir
La testuggine di Darwin aveva 175 anni
Rane e rospi colombiani
Tre piccoli draghi
Il ritorno del Pika di Ili
Rinoceronti estinti o in pericolo
Miti e realtÓ delle pantere nere (e bianche)
Lo jiukam-yawa del Peru
Il Mokele-'mbembe Ŕ un mammifero?
L'anno delle rane
Il Grizzly della California Ŕ riapparso?
Homo naledi
Cebo verde e dorato
Il Lupo Himalayano
La Rana pollo di montagna
╚ riapparso l'Orso dell'Atlante? Forse no, ma...
La Volpe volante bruna
Il Topo d'acqua etiopico
Il Garrulo di Jerdon, "uccello-Lazzaro"
Il tilacino Ŕ tornato?
L'Echidna dal lungo becco di Sir David
Giaguari dell'Arizona
La Talpa dorata somala
L'Uromastice
Pseudonovibos spiralis: animale controverso
Il Piccione di Liverpool
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
  fenomeni estremi
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
Canidi rari
Gorilla che utilizza un attrezzo per misurare la profondità dell'acqua
 

Gorilla allo stato selvaggio sono stati ripresi mentre si servono di attrezzi

In questi tempi si è riacceso il secolare dibattito tra darwinisti e creazionisti e tra i vari argomenti che vengono portati in discussione vi è la posizione che assume l'uomo, nell'evoluzione, rispetto alla scimmia ed il fatto che i grandi primati non sembrano essere andati avanti nel loro cammino.
In effetti, forse non si può dire che quest'ultima considerazione sia del tutto veritiera e gli etologi hanno l'impressione che presso certi primati si verifichi con maggiore frequenza il ricorso ad attrezzi, condizione che è sempre stata considerata un aspetto dell'intelligenza. Difficile è dire se in ciò ci sia un'evoluzione, visto che l'osservazione di questi animali non risale molto indietro nel tempo e, quindi, è altrettanto difficile dire se i primati osservati abbiano incrementato o meno l'uso di strumenti.
Il ricorso da parte dei babbuini a bastoni e pietre negli scontri tra tribù è noto da tempo, così come l'uso da parte di diverse scimmie di bastoni e canne per facilitarsi la ricerca del cibo, ma recentemente è stato documentato il ricorso a bastoni da parte del Gorilla occidentale (Gorilla gorilla).
La scoperta si deve a Thomas Breuer, Mireille Ndoundou-Hockemba e Vicki Fishlock della Wildlife Conservation Society e dell'Istituto Max Planck per l'Antropologia Evolutiva di Lipsia, che hanno pubblicato i risultati della loro ricerca sul numero di novembre 2005 di "Public Library of Science - Biology".
I ricercatori hanno fotografato e filmato due esemplari adulti di gorilla femmina nell'area paludosa di Mbeli Bai (parco nazionale Noubalé-Ndoki) nella parte settentrionale del Congo-Brazzaville. In un caso la gorilla si serve del bastone per saggiare la profondità dell'acqua, camminando perfettamente eretta, mentre guada la palude. Nell'altro, una seconda gorilla usa il ramo di una pianta per aiutarsi mentre cammina sul terreno paludoso.
Fino ad oggi, secondo quanto affermano gli autori, decine d'anni di ricerche sull'argomento avevano escluso che i gorilla liberi usassero degli attrezzi ed anche in cattività avevano dimostrato di farne impiego meno esteso di altre scimmie.
I risultati di questa ricerca sono interessanti anche ai fini della paleoantropologia, in quanto è presumibile che i meccanismi logici che portano le grandi scimmie all'uso di attrezzi siano analoghi a quelli degli ominidi primitivi.

Gorilla con ramo
Gorilla nell'atto di utilizzare un ramo per scoprire la profondità dello specchio d'acqua
Gorilla in acqua
 

 

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento