home
  la rivista on-line
  contatti
  fauna marina
  fauna terrestre
Scoperto un varano
Gorilla: l'evoluzione continua?
I canidi mutanti del Nord America
Lo Zibetto delle palme
di Owston
Le rane del Madagascar
Felini peruviani
I Giaguari si spostano verso nord
L'Anatra dalla testa rosa
La Tayra Ŕ la mitica Mitla Boliviana?
Ricompare il Tuatara
Un po' Arvicola, un po' Criceto, un po' CincillÓ
Un Elefante rosa
Una nuova specie di Occhialino
Il Babirussa
Lo Yaguarondi
Il Solenodonte
Le formiche di fuoco
L'Okapi
La rana del Gondwana
Il Crisocione
Gli orsi mutanti
Il Paepae di Gauguin
Il Tilacino vive ancora?
Il Gatto del Borneo
Il ritorno dell'Onza
Il leopardo del Borneo
18.516 specie in un anno!
Il "recupero" del Bisonte americano
Il Cannareccione afghano
Il ragno vegetariano
La testuggine della foresta di Arakan
Un ragno gigante
The Grand Old Lady of the Loch
Pinguino melanico
Criptofauna malgascia
Che cos'è il Chaus?
Riappare il Lori gracile
Una seconda specie di varano
2 specie di rinoceronte bianco
Topi giganti... e nani
Yamapikarya
Il Toporagno elefante
Il Proteo nero
Il ritorno del Cervo filippino
L'Adjule della Mauritania
La mitica tigre maltese
Notzuchitokage, Tsuchinoko e scinchi
La salamandra gigante cinese
Il Ghepardo bianco
Lo Speoto e la Tigre Warracaba
La Tartaruga della Foresta di Arakan
Stupefacente Hoatzin
Il Bonobo Ŕ una specie in pericolo
Una Tartaruga alligatore trovata nel milanese
Scoperto il Lupo dell'Atlante
Il Cercopiteco Lesula
╚ un Orso di MacFarlane?
Il Ratto margareta di Christina
Scoperta una nuova sottospecie di leone
L'Echidna dal becco lungo occidentale riappare in Australia
Il Gatto delle Ande non vive solo... sulle Ande
Quando si Ŕ estinto il Lupo di Honshu?
Esiste ancora il Waheela?
Il ritorno del Geco di terra di Jeypur
La riscoperta del Chirogaleo nano di Sibree
Il Triops di Celyabinsk
Il Lupo delle Ande
╚ arrivata la Vespa velutina
Canidi selvatici africani e asiatici
La scoperta dell'Olinguito
Il rinoceronte nero occidentale Ŕ estinto
Lo Scoiattolo volante gigante del Laos
Nuova specie di lucertola nel Congo-Kinshasa
La Tigrina del Brasile di nord-est
La scoperta del Tapiro pigmeo
Scoperto un canide in Etiopia
Un nuovo toporagno elefante
Il Mosco del Kashmir
La testuggine di Darwin aveva 175 anni
Rane e rospi colombiani
Tre piccoli draghi
Il ritorno del Pika di Ili
Rinoceronti estinti o in pericolo
Miti e realtÓ delle pantere nere (e bianche)
Lo jiukam-yawa del Peru
Il Mokele-'mbembe Ŕ un mammifero?
L'anno delle rane
Il Grizzly della California Ŕ riapparso?
Homo naledi
Cebo verde e dorato
Il Lupo Himalayano
La Rana pollo di montagna
╚ riapparso l'Orso dell'Atlante? Forse no, ma...
La Volpe volante bruna
Il Topo d'acqua etiopico
Il Garrulo di Jerdon, "uccello-Lazzaro"
Il tilacino Ŕ tornato?
L'Echidna dal lungo becco di Sir David
Giaguari dell'Arizona
La Talpa dorata somala
L'Uromastice
Pseudonovibos spiralis: animale controverso
Il Piccione di Liverpool
  botanica
  preistoria
  misteri
  astronomia
  etologia
  fenomeni estremi
  DOSSIER
  ESPERIENZE
  esplorazioni
Iscriviti alla Newsletter   Iscrizione Newsletter
 
Clonazione Mammuth della Taiga
   
 

Mammut Lanoso
















Pochi animali hanno legato la loro vita a quella dell'uomo quanto il cavallo ed il cane. Mentre il primo, soprattutto per un fatto di dimensioni, allo stato selvatico non può sfuggire facilmente all'osservazione, la stessa cosa non avviene per i cani selvatici e i lupi, dei quali esistono (o esisterebbero) molte specie che non è stato ancora possibile studiare e classificare con certezza.
È il caso del Lupo delle Ande, chiamato anche Lupo gigante delle Ande o Lupo di Hagenbeck o Cane selvatico delle Ande dalla criniera.
Di questo canide si può dire ancora molto poco e la sua scoperta si fa risalire all'acquisto nel 1927, da parte di Lorenz Hagenbeck (commerciante di animali tedesco), di una pelliccia da un venditore di Buenos Aires (Argentina) che ne aveva tre esemplari, attribuiti ad una specie di cane selvatico della catena delle Ande. Il reperto fu trasferito in Germania dove poté essere studiato dal Dr. Ingo Krumbiegel (zoologo specializzato in mammiferi) che giunse alla conclusione che dovesse trattarsi di una specie non ancora classificata. Nel 1947 Krumbiegel mise la pelliccia in relazione con un cranio che aveva rinvenuto una decina d'anni prima (ed in seguito smarrito durante il periodo bellico), lungo 31 cm, almeno 7 in più della lunghezza media di quello del Crisocione (Chrysocyon brachyurus), il più grande canide dell'America Meridionale, e per questo lo chiamò Oreocyon hagenbecki , correggendo poi il nome in Dasycyon hagenbecki. La pelliccia di questo fantomatico lupo andino si trova ancora al Museo zoologico di stato di Monaco di Baviera (Germania) e, in tempi più vicini a noi, è stata tentata un'analisi del DNA benché il campione fosse stato molto contaminato: non vi fu alcun risultato decisivo ma non è stato possibile dissipare il sospetto che la pelle fosse di un pastore tedesco domestico. Un altro aspetto che depone a favore dell'errato riconoscimento di una specie comune è il fatto che tra le popolazioni indigene delle Ande non si riscontrano, a livello di tradizioni popolari, descrizioni di animali di questo tipo. Gli araucani parlano di un "lofo-toro" (lupo toro) ma non vi sono elementi che possano ricondurre questa creatura leggendaria al reperto di Hagenbeck.

Iscriviti alla Newsletter   Iscriviti alla Newsletter per essere avvisato su ogni aggiornamento